COS’E’ LA C.I.L.A

COS’E’ LA C.I.L.A. E DOVE PRESENTARLA

La Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata (C.I.L.A.) è una pratica amministrativa che bisogna redigere prima dell’inizio dei lavori di ristrutturazione del proprio appartamento, ufficio, negozio

, ecc.Deve essere obbligatoriamente predisposta dal proprio tecnico abilitato (ingegnere, architetto, ecc.) e depositata presso il Comune o Municipio di appartenenza.

QUANDO E’ OBBLIGATORIA FARE LA C.I.L.A.?

casi in cui è obbligatorio predisporre il C.I.L. sono definiti dal D.L. 40 del 25.04.2010 coordinato con legge di conversione n. 73 del 22.05.2010.

In generale, è obbligatorio nel caso di ridistribuzione di spazi interni, realizzazione di bagni e rifacimenti di impianti.

per saperne di più: PRONTUARIO DEI LAVORI EDILIZI

 

QUALI DOCUMENTI BISOGNA PRESENTARE ?

– Atto di proprietà;

– Titolo abilitativo dell’opera (condono e/o progetto);

– Documentazione catastale (visura e planimetria);

– Relazione e Progetto ante/post operam a firma di un tecnico abilitato;

– DURC impresa esecutrice (Documento Unico Regolarità Contributiva)

Relazione tecnica asseverata

Nella relazione il tecnico dichiara di non avere rapporti di dipendenza con l’impresa né con il committente, assevera la conformità dei lavori agli strumenti urbanistici approvati e ai regolamenti edilizi vigenti e assevera che i lavori, secondo la normativa statale e regionale, non prevedono il rilascio di un titolo abilitativo.

A differenza della DIA, con cui non era possibile iniziare i lavori prima di 30 giorni, la CILA permette di iniziare immediatamente.

Questa è una delle novità più utili in termini di semplificazione. La relazione tecnica, le asseverazioni e l’assenza del silenzio-asse

nso del comune comportano una maggiore responsabilità civile e penale del tecnico che, rispetto al passato, assume parte delle competenze che prima erano dell’ufficio tecnico.

Anche in questo caso, però, possono esserci delle differenze tra un comune e l’altro.
Nel comune di Roma, ad esempio, la modulistica introdotta lo scorso marzo non prevede più la relazione tecnica allegata alla CILA.

DEVO FARE UN NUOVO ACCATASTAMENTO DOPO LA RISTRUTTURAZIONE ?

I casi in cui è obbligatorio effettuare una variazione catastale dell’immobile (DOCFA), successivamente ad una ristrutturazione, sono definiti dalla Legge 311/2004 art. 1 c. 336-340 e dalla Circolare 1/2006 dell’Agenzia del Territorio.

In generale, è obbligatorio nel caso di modifiche murarie.

QUANTO TEMPO OCCORRE E QUANTO COSTA UNA C.I.L.A. ?

In generale, per eseguire una CIL occorre una settimana lavorativa.
I lavori di ristruttrazione possono cominciare immediatamente dopo il deposito della domanda.

Il costo di realizzazione di una CIL per un appartamento è, in generale, di 800 € + IVA oltre bolli Municipio

Realizzare i lavori senza alcuna comunicazione comporta una sanzione pecuniaria pari a 1.000 euro.

Se il proprietario, spontanemente, effettua la comunicazione quando i lavori sono ancora in esecuzione, può decurtare la sanzione di due terzi pagando 333 euro.

Di fronte all’ammontare della sanzione si comprende come al cittadino convenga il rispetto delle normative.

Inoltre, bisogna fare attenzione perchè realizzare regolarmente gli interventi edilizi, oltre a rappresentare una responsabilità civica, è importante per evitare problemi in sede di compravendita dell’immobile.